domenica 31 marzo 2019

Un Drink, Un Film: per omaggiare Paolo Villaggio ed Ermanno Olmi in alto il calice di bourbon

Per ricordare, omaggiare, onorare Paolo Villaggio e la sua strabordante arte e la maestria registica di Ermanno Olmi ogni modalità è accettata e da divulgare. Ci viene in aiuto il romano Simone Mina, sesta generazione della storica famiglia che dal 1887 insegna ai romani il gusto della cucina tradizionale e che ha inventato la Coda alla Vaccinara, ingrediente di un suo celebre drink assolutamente da provare, in un twist del Bloody Mary. Ma qui si parla di boschi, di profumi di legno e di corteccia, di nocciole e castagne. il tutto perfettamente calibrato da un bourbon che viene dal Kentucky, invecchiato in botti di rovere. Le immagini e la poesia straziante de Il Segreto del Bosco Vecchio si fanno profumi inebrianti, si brinda alla compagnia!

DRINK: IL CONTE CHESTNUT
(ispirato al film "I segreti del bosco vecchio", di Ermanno Olmi, 1993)

BARMAN: Simone Mina del Ch 18 87, il Cocktail bar dello storico ristorante Checchino dal 1887 di Roma (bar segnalato dall'app Guida ai Migliori Cocktail bar d'Italia di BlueBlazer)

INGREDIENTI:
3cl bourbon Jim Beam
3cl Martini Riserva Speciale Ambrato
3cl Amaro al castagno Sarandrea

Garnish: orange peel
Bicchiere: old fashioned

PREPARAZIONE:
Con la tecnica dello stir&strain, freddare un mixing glass con del ghiaccio che andrà successivamente rimosso. Versare tutti gli ingredienti e, con un barspoon, mescolare leggermente. Aggiungere del ghiaccio fino a riempire e mescolare nuovamente per qualche secondo. Versare il contenuto all'interno del bicchiere old fashioned precedentemente freddato.

ISPIRAZIONE:
Questa ricetta è un twist, una variante del Negroni (presente nella retrospettiva del 'Museum Liquidus', la nuova drink list del Ch 18 87 di Roma) in chiave boschiva. Come, entrando nel Bosco Vecchio viene irretito dalla magia del posto e del Vento Matteo, così questo drink, grazie alla carica aromatica dei suoi ingredienti, porta chi lo beve mano nella mano a passeggio in un bosco incantato. Le note secche e di nocciola del bourbon Jim Beam si legano alla perfezione con il profumo e il sapore dell'amaro alle castagne, creando un sottobosco aromatico che viene ingentilito dalle note vinose e di miele di un grande vermouth ambrato.



from Close-Up.it - storie della visione https://ift.tt/2JVQ0bt

Sarà Mark Hamill a doppiare Chucky nel reboot di Bambola assassina!

L'eterno Luke Skywalker prende così il posto del grande Brad Dourif, voce storica del terrificante giocattolo.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2JWHskr

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

L'Angelo del Male - Brightburn: un trailer esteso di 3 minuti sul Superman cattivo di James Gunn

Appuntamento al cinema previsto per il 13 giugno.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2OE1DCn

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Annabelle 3: è arrivato lo spaventoso trailer del nuovo capitolo della saga horror della bambola posseduta

Scritto e diretto da Gary Dauberman, arriverà nelle sale italiane il prossimo 4 luglio.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2I2Tt5g

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Balancing three protagonists in THE FAVOURITE

Kristin here:

Given the current year-round feverish speculation about the Oscars, it was perhaps inevitable that the campaign for performer-awards nominees for the three leading ladies of The Favourite was what drew attention to their relative prominence in the film. As Gold Derby (the website subtitled “Predict Hollywood Races”) said during the lead-up to the announcement of the nominees, “The film inspired a lot of debate in the early days of the Oscar derby as to what categories the film would campaign its three actresses [for].” Ultimately it was decided to place Olivia Colman in Best Actress and Emma Stone and Rachel Weisz in Best Supporting Actress. (For those who are interested, this story gives a detailed run-down of those occasions on which two or even three performers from the same film were nominated opposite each other in the same category.)

Esquire was one among many media outlets stating the same opinion: “Yes, Emma Stone and Rachel Weisz are both leading players in The Favourite, and yes, it’s probably category fraud that they were submitted in the supporting category to bolster Olivia Colman’s chances to win Best Actress. It is what is, and we must live with the fact that these two will get the nomination.” Indeed, that was what happened.

Stone and Weisz showed good grace in reacting to the studio’s decision–wise even without the benefit of hindsight–to campaign for Colman as the sole best-actress nominee. They did not, however, suggest that she was the sole protagonist of the film. In an interview with The Hollywood Reporter, Weisz remarked, “I think Fox Searchlight was quite brave to make a film with three really complicated female protagonists. It’s doesn’t happen every day, sadly.” Every year The Hollywood Reporter interviews prominent but anonymous Academy members about their opinions and preferences in the main categories. This year an unknown director  complained of the best-actress race, “I don’t understand what [Olivia Colman’s] doing in this category, or what the other two [Emma Stone and Rachel Weisz] are doing in supporting–all three should be the same.” The notion that the three roles were roughly equal in importance was expressed widely during awards season. Google “The Favourite” and “three protagonists,” and many hits will show up in the trade and popular-press coverage.

This notion of three protagonists intrigued me. I believe that the structures of many classical narrative films depend to a considerable extent on how many protagonists they have, what those protagonists’ goals are, and what sorts of obstacles they encounter along the way–often obstacles that lead or force them to change their goals. I based  my book, Storytelling in the New Hollywood (1999), partly  on that idea. For close analysis I chose four exemplary films with single protagonists (Tootsie, Back to the Future,, The Silence of the Lambs, and Groundhog Day), three with parallel protagonists (Desperately Seeking Susan, Amadeus, and The Hunt for Red October), and three with multiple protagonists (Parenthood, Alien, and Hannah and Her Sisters).

Single protagonists are the commonest, and their obstacles are typically generated by single antagonists. Multiple protagonists are somewhat less so. They tend to break into at least two types. There are shooting-gallery plots like Alien, in which the protagonist is the one who, predictably or not, survives the gradual killing-off of the other main characters. Then there’s the network-of-relations plot, like Parenthood and Hannah, in which  separate plotlines are acted out, with the protagonist of each related by blood or friendship to the protagonists of the others. More difficult to pull off is the multiple-protagonist plot where the characters are linked by an abstract idea and have minimal or tenuous relationships to each other–Love Actually being a masterfully woven example. (Would that it had existed when I wrote my book!)

The parallel-protagonist plot is relatively rare. I’m not talking about a film with two main characters who are closely linked and sharing the same goal. The buddy-film, most obviously two partner cops as in the Lethal Weapon films, is a common embodiment of this goal, as is the romance where the couple are in love from early on but face obstacles posed by others, as in You Only Live Once.

Parallel protagonists are not initially linked but pursue separate goals that usually bring them together. This might involve a romance conducted from afar, as in Sleepless in Seattle. One character may know the other and seek to be more like him or her, as in Desperately Seeking Susan and The Hunt for Red October. In those two cases, the main characters end by succeeding as they come together and become friends. (Hair would be another example I could have used.) In Amadeus, on the other hand, Salieri fails in his desperate attempt to replace Mozart in public favor and to essentially become him by stealing his Requiem and passing it off as his own.

 

The triple-protagonist plot

I never considered the category of triple protagonists, simply assuming they would belong within the multiple-protagonist films. Perhaps they do, but The Favourite raises the possibility that such films have a distinctive dynamic, somewhat akin to the parallel-protagonist plot but more complex, or at least more complicated.

Balancing two protagonists who have more-or-less equal stature in the plot is probably not much more difficult than the other types of classical plots. I think that’s largely because these two main characters can come together by the end and become  the romantic couple or the buddies who could easily have been the main figures in a dual-protagonist film. Three protagonists, however, are very difficult to balance without one or two of them becoming mere supporting players by the end.

Across the history of classical filmmaking, there are probably a fair number of examples of such a balance being achieved. It’s not easy to think of more than a few, though. The first one that came to my mind is Otto Preminger’s underappreciated Daisy Kenyon (1947). In it Daisy is the mistress of a prosperous married lawyer, Dan, who refuses to divorce his wife and marry her. She meets a genial but traumatized war veteran, Peter, and marries him, but when her initial lover finally files for divorce, she is torn between the two. More about Daisy Kenyon later, the point here being that a triple-protagonist plot is not out-of-bounds for Hollywood and that two people struggling to win a third’s favors is an obvious situation to use in such a film.

The first half of The Favourite displays the long-established relationships between Queen Anne and Sarah. Sarah is stern and commanding with Anne, even cruel at times, and she runs political affairs in the Queen’s place. It is also clear, however, that the two love each other and that Anne, with her various physical and mental frailties, heavily depends on her friend. This half also traces the rise of unfairly impoverished Abigail, Sarah’s cousin. She ingratiates herself with Anne by helping nurse her gout and providing sympathy and deference; she even induces the semi-invalid Anne to dance.

Up to this point we are cued to sympathize with Abigail. She has been the innocent victim of misfortune and is treated cruelly once she arrives at court and Sarah hires her as a scullery maid. The midway turning point, as I take it, happens in the scene where Abigail shoots a pigeon and the blood spurts onto Sarah’s face. Immediately after this a servant arrives to say that the Queen is calling for Abigail rather than Sarah. Abigail is implied to have tipped the balance toward her being accepted as Anne’s favorite.

After this point, we suddenly start to see Abigail’s conniving side, and the pendulum swings as we grasp that Sarah has been displaced in the Queen’s affections through Abigail’s lies about her. In this second half, we are led to recall that Sarah, dominating though she is with Anne, truly loves her and is far more qualified to help run the state than frivolous Abigail is. By the end, all three have managed to make each other and themselves miserable, though Sarah still has her husband and manages to take exile abroad in her stride. None of them emerges as the most  important character.

One might argue that Abigail functions as a conventional antagonist. After all, she drugs Sarah’s tea, nearly causing her death–and showing no compunction about it. Yet she, too, is pitiable. Her father gambled her away into marriage with a stranger, and early in the film she is bullied by the other servants. Sarah has her unlikable side and at one point attempts to blackmail Anne by threatening to make public the Queen’s love letters to her–an act that finally drives Anne to reject her. Before that rejection, however, Sarah burn the letters instead, confirming her inability to betray queen and country.

In a review on tello Films Karen Frost writes,“While Stone may receive a modicum more screen time than the other two, this movie really has three protagonists, all of whom are compelling in their own way.” I suspect a lot of spectators, including me, share this impression that Abigail is onscreen or heard from offscreen marginally more than Anne or Sarah. That said, it’s very difficult to measure the presence of each character, given how short the scenes are and how often the women come and go from the rooms where the main action is occurring. And does a scene like the one at the top of this section, where Anne and Sarah converse while Abigail stands mutely in the distance, give equal weight to all three? Perhaps, in that we are here conscious of the latter’s simmering resentment.

In a comparable scene, Abigail is pushing the Queen in a wheelchair. Anne becomes upset and tries to stagger back to her room. We follow her and concentrate on her struggle and emotions for some time before Abigail appears again with the chair. Should we consider this one scene between the two, or actually three scenes, with the two together, then Anne alone, and then the two together again? Even within scenes where two or three of the women are present, weighing their relative prominence in the scene presents difficulties.

The casting is crucial in such a film, since the relative prominence of the actors tends to affect our judgment of their characters’ importance. Rachel Weisz and Emma Stone were both Oscar-winning stars before The Favourite‘s release. Olivia Colman was not well-known in the US, but she had had a long and prominent career on television and occasional films in the UK, The Favourite‘s country of origin. Certainly as Anne she gains the audience’s sympathy early on and becomes plausible as a protagonist alongside the other two.

 

Scenes and twists

I decided that rather than attempt to clock screen time, I would count how many scenes each character had alone, how many involved two of them, and how many showed all three together. When I say “alone,” I mean only one of the three women is present, though often she is interacting with the main male characters, Lord Treasurer James Godolphin, Leader of the Opposition Robert Harley, and Baron Masham. Given the many very short scenes, the intercutting, the presence of the characters in the backgrounds when the others are emphasized, and the brief intrusion of a character into a scene that overall emphasizes one or two of the other women, my breakdown into segments can’t be precise.

I’ve compared the numbers of scenes devoted to the various combinations of characters in the first and second halves of the film, given the reversed situations of Sarah and Abigail in those large-scale sections.

First, the characters alone:

Anne has only 1 solo scene in the first half/3 in the second. (Total 4)

Sarah is alone 2 times in the first half/8 in the second. (Total 10)

Abigail is alone 7 times in the first half/9 in the second (Total 16)

Abigail’s larger number of scenes apart from the other two women occur largely because she is duplicitous and her situation changes drastically. Anne and Sarah behave straightforwardly, the former because she is too addled to be capable of deception and the latter because she is fundamentally honest, if sometimes brutally so.

Abigail’s duplicity must be revealed gradually. This is done to a considerable extent through two important relationships that help reveal that she is not the sweet young thing that we may have initially taken her to be. In the first half, Harley tries to bully her into acting as a spy in Anne’s bedchamber, passing on to him the political tactics and decisions of the Queen and Sarah. At first it is not clear that Abigail will comply. She also has aggressively flirtatious scenes with Masham. Initially she seems to be Harley’s victim and genuinely attracted to Masham, if in a rather eccentric fashion. Almost immediately after the midway turning point, however, Abigail passes secret information to Harley for the first time. Later, after Anne permits her to marry Masham, it is revealed that Abigail’s primary motive was to restore her lost social standing.

Scenes with Queen Anne with one or the other or both other women:

Anne with Sarah: 6 times in the first half/7 in the second (Total 13)

Anne with Abigail: 3 times in the first half/10 in the second (Total 13)

Anne with both: 6 times in the first half/5 in the second (Total 11)

Here the balance among the three protagonists becomes apparent. Whether intentionally or not, the scriptwriters gave Sarah and Abigail the same number of scenes alone with the queen. Abigail’s access to the Queen is naturally considerably greater in the second half of the film, as she gains her status as the favorite. Surprisingly, though, Sarah’s scenes with Anne are balanced between the two halves. I take this to reflect the Sarah’s determination not to be defeated and also the lingering friendship and genuine love that the two have shared since childhood. If we are to realize by the end that Anne has made a dreadful mistake by rejecting Sarah and sending her into exile, we must be reminded at intervals of how vital Sarah had been in helping Anne run the affairs of state.

The fact that Anne’s scenes with both other women are balanced between the two halves functions to allow us to continue comparing the behavior of both women toward the Queen. We slowly grasp Abigail’s perfidy and Sarah’s prickly steadfastness. The latter is made particularly poignant in Anne’s and Sarah’s final conversation, which takes place through the closed doorway of Anne’s room and ends with Anne rejecting her old friend, despite apologies and pleading.

Queen Anne is in a total of 41 scenes, Sarah in 44, and Abigail in 50, which does suggest that the latter has more screen time overall. The reason for this is probably not that she is more important, but that Sarah and Anne have an established, loving relationship at the beginning, which is easy to set up. Abigail must claw her way up from the scullery to the Queen’s bedroom, which takes more time to accomplish.

The screen time, however, is not the key factor. The film’s impact on the spectator depends to a considerable degree on our struggle to figure out which, if any, if these characters we might identify or sympathize with. There are such frequent shifts of tone and of what we know about each of them that our expectations are systematically undermined in the course of the plot.

In an interview on Deadline Hollywood, Tony McNamara, one of the scriptwriters, describes the effects of having three protagonists:

I thought it would be hard, but it was actually kind of liberating to have three, because it just gave you more options and places to go. Often, an action in a script has a reaction, but just one antagonist and protagonist. But because it’s three protagonists, there was always this cascading effect, and there were more twists. It was fun to have options, [though] there was work to do, making sure that the three were in balance, throughout.

Twists the film has in abundance. Our attitudes toward the characters change time and again. The scene in which Sarah starts letter after letter to Anne, trying to regain her favor, encapsulates all three women’s mercurial behavior. Her openings range from violent resentment (“I dreamt I stabbed you in the eye”) to fondness (“My dearest Mrs Morley”–her pet name for the Queen). The latter is the one she sends, but Abigail consigns it to the fire, finally making any reconciliation between her rival and the Queen impossible.

The ending, with its superimpositions of Anne’s rabbits over the faces of her and Abigail has been criticized as a failure to provide a satisfactory conclusion to the tale of the three protagonists. I’m not sure it is a failure of invention. Abigail’s insinuation of herself into the Queen’s favor began when she noticed the rabbits in the royal bedroom and elicited Anne’s tale of the loss of all seventeen babies she had had, with the rabbits acting as substitutes for them. Abigail had expressed an apparently deep sympathy, but in the final scene Anne sees Abigail capriciously and cruelly press her foot down on one of the rabbits. All illusions that her new favorite has loved her better than Sarah had vanish at this point, if they had not already. The two are portrayed as trapped in a relationship based on grief over unthinkable loss on the part of one and hypocritical manipulation by the other.

 

Preminger’s balancing act

Daisy Kenyon differs vastly from The Favourite, to be sure. Still, it’s a romantic triangle situation, and the woman who must decide between her two suitors is indecisive up until just before the ending. Dan and Peter are equally plausible as a final choice. Both have faults. Dan is content to carry on his adulterous affair with Daisy indefinitely, and Peter spies rather creepily on her after meeting her, secretly following her to a movie theater so that he can “accidentally” meet her when she comes out. Both clearly are in love with her.

Preminger also managed to cast three stars of more-or-less equal stature. Andrews had gone from supporting roles to the lead in Laura (1944) and was just coming off the success of The Best Years of Our Lives (1946). Fonda had had both leading and supporting roles since the mid-1930s and starred in such films as Young Mr. Lincoln (1939), The Grapes of Wrath (1940), The Lady Eve (1941), and My Darling Clementine (1946). There is no Ralph Bellamy, the obvious Other Man, here.

There’s another resemblance to The Favourite, in that the man Daisy ultimately chooses then says something that creates a final twist–indeed, it’s the last line of the film. He reveals that not all is as we assumed, and we may be left wondering if, like Queen Anne, Daisy may regret her choice.

Another obvious triple-protagonist film is Ernst Lubitsch’s Design for Living (1933), which once again presents a romantic triangle centering on a heroine who is understandably indecisive in choosing between Gary Cooper (George) and Fredric March (Tom). She moves in with both with an agreement that they will avoid sex. She succumbs to George’s charms when Tom is away and to Tom’s when George is away, and when jealousy between the two men breaks out, marries her rich but boring boss (Edward Everett Horton). The pre-Code ending sees Gilda back with Tom and George in an arrangement that seems no more likely to remain sexless than the first one had.

Again the casting makes the two male protagonists seem equal. March and Cooper were both rising stars at the time, with March fresh off an Oscar win for Dr. Jekyll and Mr. Hyde (1932). Cooper had achieved prominence with The Virginian (1929) and followed up with Morocco (1930) and A Farewell to Arms (1932).

This is not to say that all three-protagonist films have this triangle plot with an indecisive woman as the pivot. No doubt there are all sorts of other ways to balance three lead roles. Nor is it to say that three-protagonist films are so common and distinctive as to make me go back and revise Storytelling in the New Hollywood. Still, it’s interesting to see this kind of variant played on more familiar plot structures and to study how filmmakers can go about maintaining the necessary delicate balance.


David has an analysis of Daisy Kenyon‘s narrative maneuvers in Reinventing Hollywood: How 1940s Filmmakers Changed Movie Storytelling.

Daisy Kenyon (1947).



from Observations on film art https://ift.tt/2YEeuch

sabato 30 marzo 2019

venerdì 29 marzo 2019

Uscite al cinema, 25-28 marzo 2019

Sono undici i nuovi titoli in uscita al cinema, tra il 25 e il 28 marzo, tra cui: il remake firmato Tim Burton del classico Disney con protagonista l'elefante Dumbo; un thriller fantascientifico dai tratti distopici, diretto da Rupert Wyatt; il ritorno di Claudio Bisio nei panni del presidente Peppino Garibaldi; un dramma dalle sfumature fantasy, con protagonisti due personaggi davvero singolari; la storia di Ruth Bader Ginsburg, interpretata da Felicity Jones, affiancata da un cast di gran livello.

BENTORNATO PRESIDENTE
Regia: Giancarlo Fontana, Giuseppe G. Stasi; Genere: Commedia; Cast principale: Claudio Bisio, Sarah Felberbaum, Pietro Sermonti, Paolo Calabresi, Massimo Popolizio, Cesare Bocci, Ivano Marescotti, Antonio Petrocelli, Roberta Volponi, Guglielmo Poggi, Antonio Milo, Franco Ravera, Marco Ripoldi, Marta Gastini, Maria Chiara Giannetta, Salvatore Costa, Gigio Morra; Data di uscita: 28 marzo.

Breve sinossi: Otto anni dopo la sua ascesa in politica, Peppino vive una vita serena e rilassata nella sua amata campagna. Ma la compagna Janis é sempre più insofferente. Fino a quando Peppino viene richiamato “al suo dovere”...

BORDER – CREATURE DI CONFINE
Regia: Ali Abbasi; Genere: Drammatico, fantasy; Cast principale: Eva Melander, Eero Milonoff, Jörgen Thorsson, Ann Petren, Sten Ljunggren, Kjell Wilhelmsen, Rakel Wärmländer, Matti Boustedt; Data di uscita: 28 marzo.

Breve sinossi: Tina è un'addetta alla dogana: donna di buon cuore e dotata di un talento particolare, non viene vista di buon occhio per il suo singolare aspetto fisico. Un giorno conosce un uomo di nome Vore. I due scopriranno essere molto più affini di quanto possa sembrare...

CAPTIVE STATE
Regia: Rupert Wyatt; Genere: Fantascienza, thriller; Cast principale: John Goodman, Vera Farmiga, Ashton Sanders, Madeline Brewer, Machine Gun Kelly, Alan Ruck, James Ransone, KiKi Layne, Kevin J. O'Connor, Ben Daniels, D.B. Sweeney, Jonathan Majors; Data di uscita: 28 marzo.

Breve sinossi: Chicago, 2015: una razza aliena governa in uno stato di pace ed equilibrio apparente. Ma c'é una Resistenza pronta a colpire...

DUMBO
Regia: Tim Burton; Genere: Animazione, drammatico; Cast principale: Colin Farrell, Michael Keaton, Danny De Vito, Eva Green, Roshan Seth, Elisa, Nico Parker, Deobia Oparei, Alan Arkin, Joseph Gatt, Douglas Reith, Finley Hobbins, Sandy Martin, Lars Eidinger, Michael Buffer, Bern Collaço; Data di uscita: 28 marzo.

Breve sinossi: Remake “Burtoniano” del classico Disney, con protagonista Dumbo, l'elefantino dalle lunghe orecchie, impegnato a trovare il suo posto in un mondo ostile...

FRATELLI NEMICI
Regia: David Oelhoffen; Genere: Drammatico, thriller; Cast principale: Matthias Schoenaerts, Reda Kateb, Adel Bencherif, Nicolas Giraud, Sabrina Ouazani, Gwendolyn Gourvenec, Sofiane Zermani; Data di uscita: 28 marzo.

Breve sinossi: Manuel e Driss sono due fratelli nati e cresciuti in un sobborgo in cui quella dello malavita é l'unico stile di vita. Una volta adulti, i due percorrono strade diverse, destinati a incontrarsi di nuovo, in circostanze affatto piacevoli...

GAUGUIN A TAHITI. IL PARADISO PERDUTO
Regia: Claudio Poli; Genere: Documentario; Cast principale: Adriano Giannini; Data di uscita: 25 marzo.

Breve sinossi: Tra passato e presente, un viaggio immersivo nelle opere di Gauguin, alla scoperta di quei luoghi sacri per il celebre pittore...

IL VEGETARIANO
Regia: Roberto San Pietro; Genere: Drammatico; Cast principale: Sukhpal Singh, Marta Tananyan; Data di uscita: 28 marzo.

Breve sinossi: La storia di Krishna, un ragazzo indiano immigrato che lavora come mungitore nella campagna emiliana, costretto ben presto a una scelta che lo costringerà a valutare il suo credo e i suoi principi...

LIKEMEBACK
Regia: Leonardo Guerra Sàragnoli; Genere: Drammatico; Cast principale: Angela Fontana, Denise Tantucci, Blu Yoshimi, Goran Markovic; Data di uscita: 28 marzo.

Breve sinossi: Lavinia, Carla e Danilahanno terminato il liceo e partono per una vacanza in barca a vela. All'insegna del divertimento e della spensieratezza, scopriranno presto quanto le loro vite cambieranno drasticamente...

THE PRODIGY – IL FIGLIO DEL MALE
Regia: Nicholas McCarthy; Genere: Horror; Cast principale: Jackson Robert Scott, Taylor Schilling, Colm Feore, Brittany Allen, Peter Mooney, David Kohlsmith; Data di uscita: 28 marzo.

Breve sinossi: Secondo sua madre, il piccolo Miles non é più lo stesso: lo nota da strani e inusuali comportamenti. Una sensazione sgradevole che si tramuterà presto in una terrificante certezza...

TUTTE LE MIE NOTTI
Regia: Manfredi Lucibello; Genere: Thriller; Cast principale: Barbora Bobulova, Benedetta Porcaroli, Alessio Boni, Carolina Rey; Data di uscita: 28 marzo.

Breve sinossi: Una notte, in una placida cittadina di mare, due ragazze si incontrano. In quel momento le loro vite diventeranno un inferno...

UNA GIUSTA CAUSA
Regia: Mimi Leder; Genere: Biografico, drammatico; Cast principale: Felicity Jones, Armie Hammer, Justin Theroux, Cailee Spaeny, Kathy Bates, Stephen Root, Sam Waterston, Francis X. McCarthy; Data di uscita: 28 marzo.

Breve sinossi: Nel 1956, la talentuosa Ruth Bader Ginsburg riesce a entrare nella facoltà di legge ad Harvard. Ma, una volta laureata, incontrerà mille difficoltà nel trovare un posto di lavoro: ogni studio a cui fa richesta di assunzione la esclude e il motivo, purtroppo, é quantomai ovvio...



from Close-Up.it - storie della visione https://ift.tt/2uBJHPA

Au revoir Agnès Varda

È stata donna prima di essere regista e della donna ha sempre cantato con intima leggerezza anche le più segrete contraddizioni, senza cadere nell'autobiografismo fine a sé stesso che rende tutto più scontato.
Ha scavato nell'inestricabile groviglio di fragilità e forza delle eroine che ha messo in scena senza aver pretesa di cogliere un nocciolo più vero o più duro. Anzi, con gesto registico a tratti sublime, ha fatto della semplicità del dire una visione a volo d'aquila sull'animo non solo femminile.
Ha raccontato l'incredibile capacità d'amare caparbia e assoluta, necessaria come il respiro e ugualmente famelica. Ha detto del dolore di chi si aggira sperduta nello scenario del dubbio, ma che sa fare di ogni cosa incontrata commossa epifania del vivere. Non ha taciuto delle guerre ingiuste, come il Vietnam, che macchiavano di sangue la cattiva coscienza dell'americano imperialista. Ma è stata anche dentro le incertezze della coppia, nella consapevole ricerca di una felicità che fugge sempre lontano anche se sembra così terribilmente a portata di mano.

Negli anni in cui Antoine Doinel correva contro il mare in cerca di un impossibile futuro, anche lei cominciava a sognare in piccolo l'ariosità di un cinema che, sull'onda del neorealismo e degli articoli di Bazin, riscopriva gli angoli di strada, i lunghi boulevard e i passanti frettolosi, ciascuno con il suo carico di storie possibili.
Non ha mai amato l'etichetta della Nouvelle Vague, ma stava in mezzo alle due rive della Senna, tra Resnais (che le montò il suo primo corto già nel 1954) e Godard, tra Chabrol e Truffaut.
In un ambito assolutamente maschile, quando le registe donne erano un'eccezione da guardarsi con sospetto e un pizzico di sgomento, lei si metteva dietro la macchina da presa con la sicurezza di chi sa che non potrebbe fare altro. Non era come una Leni Riefenstahl che imponeva il suo ruolo con la forza teutonica della valchiria che si pretende quasi più maschia degli stessi uomini nella consapevolezza di dover battere l'altro sesso con la forza. Piuttosto è stata un folletto, uno di quelli che avrebbe potuto partorire la fantasia aracnide di un Mendelssohn in pieno sogno di una notte di mezza estate. E con la semplice forza dello sguardo è stata capace di tirar fuori un novero di titoli in fondo piccolo, ma, signori, di che importanza!

Agnès Varda si è spenta oggi, alla bella età di novanta anni, ma con ancora tanta forza nelle gambe. Quella forza necessaria per andare in giro per il mondo a esercitare gli occhi nel mestiere più nobile: osservare. Geniale, anarchica senza bisogno di proclami, profonda senza darne il peso è stata una delle registe più strane e belle che la settima arte ci abbia regalato. Innovativa senza cercare novità, femminista senza bisogno di manifesti, Varda è stata tante cose nel corso della sua vita e della sua carriera, tranne una: banale. Sin dalle sue origini, belghe in verità, ma da padre greco e madre francese, ha avuto un modo tutto suo di pensare i confini e le distanze.
Sarà per questo che è stata sempre libera e quella libertà l'ha portata nel suo modo di girare che è unico, irripetibile e, tante volte, anche divertito e irriverente.

Ci ha lasciato film come Cléo de 5 à 7 (1962), Le bonheur (1965), Sans toit ni loi (1985) e Garage Demy del 1991. Ma anche documentari come Loin du Vietnam (1967), Black Panthers (1968) e l'ultimo Visages villages con cui era diventata la persona più anziana a ricevere la candidatura per una sezione competitiva dell'Oscar. Lo stesso anno che le veniva insignito un Oscar alla carriera.

Ci lascia, però, con film che ci illuminano il cammino, piccoli raggi di speranza e moniti a guardare meglio perché, anche nell'oggi più omologato c'è spazio ancora per la scoperta delle piccole storie e di quell'umanità minuta che è sempre a un soffio dallo spegnersi nel chiacchiericcio social della nuova propaganda.



from Close-Up.it - storie della visione https://ift.tt/2Yx0qBq

ADDIO AD AGNÈS VARDA



from Cineteca di Bologna https://ift.tt/2Oy7Gbx
via Cinema Studi

Visages, Villages: L'ultimo film di Agnes Varda in prima visione TV esclusiva su Sky Arte

Il film andrà in onda sabato 30 marzo alle 22.00, per ricordare la leggendaria regista scomparsa all'età di 90 anni.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2Yz6kCg

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Avengers Endgame: proteggetevi dagli spoiler perché ci saranno molti colpi di scena

Lo dice esplicitamente uno dei due fratelli registi, Joe Russo.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2TGYMK2

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Dumbo: esordio nei cinema italiani e subito primo posto al box office

Nella prima giornata di programmazione di giovedì 28 marzo, il film di Tim Burton stacca la concorrenza.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2WziB7U

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Irma Testa: il sogno, la sconfitta, la rinascita. Arriva Butterfly, film sulla prima pugile italiana alle Olimpiadi

Un documentario dalla grande forza narrativa di Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman, nei cinema italiani (con lentezza) dal 4 aprile prossimo.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2TI37fV

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Stefania Sandrelli, Alessandro Siani, Aleksandr Sokurov, Stefano Accorsi al Festival del Cinema Europeo di Lecce

Ecco il ricco programma della ventesima edizione, che si svolgerà dall'8 al 13 aprile.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2I0YTOq

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

The Prodigy: l’horror si affaccia in sala con l’arrivo della primavera e noi ve ne mostriamo una scena

Possessione sì o possessione no? Curiosità e video sul film con Taylor Schilling.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2uz60W8

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Rosario Dawson confermata per Jay and Silent Bob Reboot di Kevin Smith

L'autore e regista arruola l'attrice che in Clerks II interpretava la manager del fast food Mooby's.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2CJgPcW

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

È morta a 90 anni la regista Agnès Varda

Regista della Nouvelle Vague e personaggio straordinario del cinema mondiale.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2HLCxkn

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Il Pinocchio di Matteo Garrone: La prima immagine ufficiale con Roberto Benigni

A pochi giorni dell'inizio delle riprese, arriva la prima foto ufficiale del film.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2HNdeyB

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Da Donne a Book Club: storie di agguerrite amicizie femminili al cinema

Tra commedia e dramma i film che parlano della forza delle donne.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2FE6mQo

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Joker sarà il cupo racconto di un uomo disturbato mentalmente

Niente eccentricità o ironia in vista per l’adattamento con Joaquin Phoenix del celebre personaggio dei fumetti.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2U6kD2i

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

John Carpenter onorato col Carrosse d’Or al prossimo Festival di Cannes

Il grande regista, inattivo nel lungometraggio da nove anni, riceverà il premio alla carriera.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2U1GGr3

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Scary Stories To Tell In The Dark: ecco il trailer dell'horror scritto e prodotto da Guillermo del Toro

Il film porta al cinema il libro di Alvin Schwartz illustrato da Stephen Gammell. Dirige il norvegese André Øvredal, che è uno bravo.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2FDViTg

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

George Clooney lancia un boicottaggio contro alcuni hotel tra cui il Principe di Savoia di Milano e l'Eden di Roma

La star attacca violentemente la proprietà di nove alberghi di lusso fra cui il Beverly Hills Hotel.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2U2m1TV

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

giovedì 28 marzo 2019

Likemeback

Alla ricerca della propria identità virtuale
* * 1/2 - - (mymonetro: 2,59)
Consigliato: Nì
Regia di Leonardo Guerra Seragnoli. Con Angela Fontana, Denise Tantucci, Blu Yoshimi, Goran Markovic, Carolina Pavone, Guglielmo Pinelli.
Genere Drammatico - Italia, Croazia, 2018. Durata 80 minuti circa.

Tre ragazze visitano la Croazia in barca, accompagnate da uno skipper. Il principale oggetto della loro vacanza sono però i loro telefoni cellulari, attraverso i quali amplificano gioie e dolori. Carla perde il suo telefono in mare e l'inquietudine comincia a serpeggiare nel gruppo.





from Cinema - MYmovies.it https://ift.tt/2OrNRTg

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Benedict Cumberbatch, Colin Firth, Mark Strong e Richard Madden entrano nel cast di 1917

Il film ambientato durante la Grande Guerra sarà diretto da Sam Mendes. Le riprese inizieranno il 1 aprile.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2JKDsn7

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Joel Coen dirigerà la moglie Frances McDormand e Denzel Washington in una nuova versione di Macbeth

Il regista firmerà da solo questo film, secondo quanto riporta Deadline Hollywood.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2OwXQXA

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Tom Hanks sarà il colonnello Parker, manager di Elvis Presley, nel biopic di Baz Luhrmann

L'attore in trattative per interpretare il pittoresco personaggio nel film ancora senza titolo.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2FKLDMl

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Dumbo

È nel rumore che fa quando vola. Non quello del corpo leggero e silenzioso di un uccello. Più simile invece a quello di ingranaggio - tra l'organico e l'inorganico - che potrebbe produrre uno pterodattilo e o un trabiccolo volante dei primi del '900 uscito dalla fantasia di Verne. O nel contrasto tra la massa compatta e pesante del corpo bestiale e la lunghezza slanciata di quello dell'acrobata Colette, la regale Eva Green, che lo cavalca ingobbendosi.
In questa eloquente fisicità del protagonista risiede la bellezza del Dumbo di Tim Burton.
Come se il regista, libero e scatenato poeta in Edward mani di forbice, abbia precipitato tutte le sue forme più strane, paurose e gentili nel mitico profilo tondeggiante, e incredibilmente volante, di uno dei personaggi più amati e tormentati della dinastia Disney.
Chiedete a qualsiasi bambino, e non agli adulti che accompagnano nella visione, cosa provano per il Dumbo del vecchio zio Walt.
La maggior parte di loro non lo metterà tra i preferiti. Per due motivi: in Dumbo si parla dell'amore ancestrale verso la figura genitoriale (molti i tratti comuni con Pinocchio), rapporto che, sin dalla notte dei tempi, si colora di toni sentimentali e teneri quanto di inquietudini a sfondo tragico.
Ma soprattutto, Dumbo è un film che parla del rifiuto dell'altro, di paura della diversità, di coercizione, prigionia. Un rifiuto feroce e tagliente che, attraverso la visione del film originario, dai chiari tratti espressionisti, arriva, eco vivido e disturbante della realtà, dritto sulla pelle dello spettatore, qualsiasi età abbia. Roba che, un tempo, avremmo definito pienamente "alla Burton".
Invece il nuovo Dumbo, che pure attinge a tratti felicemente alla consuetudine del regista con l'universo dei reietti, cosiddetti diversi, fisicamente e spiritualmente - come nella magistrale entrata in scena, a inizio film, di Colin Farrell alla stazione, e del suo "riconoscimento" agli occhi dei figli - stempera progressivamente i toni più burtoniani e acidi.
Il focus non è più sulla coppia a tratti claustrofobica Dumbo-Mamma Jumbo ma sul consesso sociale, poi traslato nel concetto politically correct di famiglia allargata.
Non ci sono riferimenti diretti a Orwell e all'antropomorfismo politico dei suoi animali, come nel razzismo virulento da parte degli altri pachidermi dell'originale.
In Burton gli animali sono esseri viventi più o meno crudelmente strumentalizzati dall'uomo in contesti di cui il circo è solo la massima espressione negativa. Ma anche qui: Danny De Vito è un direttore in fondo dal cuore d'oro pronto per la redenzione ambientalista, e il mega cattivone capitalista Michael Keaton o la new entry marypoppinsiana del banchiere Alan Arkin diluiscono e confondono i tratti dell'avidità con quelli della stupidità. Peccato.
Di strategica presa sul pubblico sarà l'entrata in scena di una diversa dimensione dell'infanzia (non più stupidotta, come appariva sullo sfondo nell'originale).
Ecco che Burton chiede aiuto, per trovare una sua chiave, alla giudiziosa piccola donna Milly, con la sua voglia di distaccarsi dalla fatuità del mondo circense dove è nata (anche qui, si pesca un po' troppo nel luogo comune) per diventare la nuova Marie Curie.
Resta immutato invece l'insegnamento della piuma, inutilmente sovraccaricato del simbolismo della chiave. Volere è potere. Quando il mondo ti sembra inaccessibile dietro porte chiuse, è dentro di te che devi cercare la forza per farle scomparire.
Ma pensando a queste parole e al povero Dumbo ubriaco che danza fra gli elefanti rosa dell'originale del '48 - in Burton ridotti a sterile divertissement di bolle di sapone - non mi passa dalla mente la canzone interpretata dalla giovane protagonista di un film tunisino di qualche anno fa, Appena apro gli occhi di Leyla Bouzid, ambientato prima della rivoluzione del 2011, sull'impossibilità di realizzare i propri sogni "Quando vedo questo mondo di porte chiuse, ebbro, chiudo gli occhi, e ogni volta mi appare una ragazza, qualche volta è la stessa, a volte sembra un'altra, e immagino cieli azzurri e occhi sorridenti. Ma quando poi apro gli occhi vedo un mondo di povertà, disprezzo e dolore"

(Dumbo); Regia: Tim Burton; interpreti: Colin Farrell, Michael Keaton, Danny De Vito, Eva Green, Roshan Seth, Elisa, Nico Parker, Deobia Oparei, Alan Arkin, Joseph Gatt, Douglas Reith, Finley Hobbins, Sandy Martin, Lars Eidinger, Michael Buffer, Bern Collaço; produzione: Walt Disney Italia; origine: USA, 2019; durata: 130'



from Close-Up.it - storie della visione https://ift.tt/2V7Ni3P

The Prodigy - Il figlio del male

Il sovrannaturale in una famiglia normale

Regia di Nicholas McCarthy. Con Taylor Schilling, Jackson Robert Scott, Colm Feore, Peter Mooney, Paul Fauteux, Brittany Allen, Paula Boudreau, Elisa Moolecherry, Oluniké Adeliyi, David Kohlsmith, Ava Augustin, Michael Dyson.
Genere Horror - Hong Kong, USA, 2019. Durata 92 minuti circa.

Una madre preoccupata per il comportamento anomalo del figlio minore pensa che qualcosa di soprannaturale stia prendendo il sopravvento.





from Cinema - MYmovies.it https://ift.tt/2Ox1mky

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Birthday, diretto dalla regista coreana Lee Jong-un, è il film d’apertura del Far East Film Festival 2019

Un film attesissimo in patria, dove uscirà il 3 aprile, che racconta della tragedia del traghetto Sewol.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2V2zSGa

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Godzilla, Rodan, Ghidorah, Mothra e Somewhere Over the Rainbow: un nuovo video per Godzilla II: King of the Monsters

Il film di Michael Dougherty sarà nei cinema italiani dal prossimo 30 maggio.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2Yyvz7M

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Dietro le quinte di Dumbo in due video con le sensazioni da pelle d'oca degli attori sul set

A quanto pare, il Dumbo di Tim Burton ha provocato non poche emozioni anche in chi lo ha fatto.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2TLjh8s

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Stanlio & Ollio: Steve Coogan e John C. Reilly nel trailer italiano del film sulla leggendaria coppia comica

Il film di Jon S. Baird arriva ne i nostri cinema il 1 maggio prossimo.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2FBXivg

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Il Campione: prenota il tuo invito omaggio per l'anteprima del film

Il film con Stefano Accorsi e Andrea Carpenzano, arriva nei cinema il prossimo 18 aprile.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2HTT3OA

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Dogman, Marcello Fonte non vince ai David: "Il premio è mia mamma seduta in platea”

Chiamato da Matteo Garrone sul palco, l'attore non si aggiudica, per la prima volta nella storia di Dogman, il riconoscimento come miglior protagonista, ma è ugualmente raggiante.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2UaknPe

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Metti una sera Dario Argento ai David di Donatello

Onorato da un David Speciale dopo una lunga carriera ignorata dall'Accademia che non ha mai considerato l'horror, il Darione nazionale si è tolto un sassolino dalla scarpa.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2FG31l0

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Dumbo, produttore e sceneggiatore spiegano la filosofia della nuova versione

Isolare gli elementi eterni che identificavano l'elefantino, ma anche riflettere sul circo oggi.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2Ov6CVX

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

David di Donatello 2019: video interviste a Tim Burton e ai protagonisti della 64° edizione

Le parole e le emozioni degli ospiti del tappeto rosso del principale premio italiano del cinema.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2FImEt2

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Zac Efron è Ted Bundy nel trailer italiano del film

Il film diretto da Joe Berlinger sul famigerato serial killer arriva nei cinema il 9 maggio prossimo.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2YvfBeu

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Angelina Jolie nel cinecomic Marvel The Eternals

Per l'attrice è arrivato il tempo di entrare nel mondo dei fumetti cinematografici nel film che sarà diretto da Chloé Zhao e che introdurrà un nuovo gruppo di personaggi.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2HXOq6k

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Seth Rogen crea un brand per produzione e vendita di cannabis

L'attore si lancia nell'imprenditoria in modo stupefacente.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2FxN9A3

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Matrix, Sandra Bullock poteva essere Neo al posto di Keanu Reeves

In un'intervista, il producer Lorenzo di Bonaventura ha rivelato quanto sia stato difficile avviare Matrix.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2ux1bg0

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Jim Jarmusch, gli zombie, Bill Murray, Tom Waits, RZA e Iggy Pop: tutti a Cannes?

La Focus Features annuncia una data d'uscita di The Dead Don’t Die che pare assicurare la presenza del film sulla Croisette, e anche alcuni nomi di rilievo che fanno parte del cast del film.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2Wzh3e9

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Uscita in grande stile per Bentornato Presidente

Claudio Bisio torna nei panni di un leader politico suo malgrado nel sequel della commedia di successo.

from ComingSoon.it - Le notizie sui film e le star https://ift.tt/2FGfDJa

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

mercoledì 27 marzo 2019

Dumbo

Torna l'elefantino più amato di sempre

Regia di Tim Burton. Con Colin Farrell, Michael Keaton, Danny DeVito, Eva Green, Alan Arkin, Finley Hobbins, Nico Parker, Suan-Li Ong, Joseph Gatt, Sharon Rooney, Deobia Oparei, Roshan Seth, Kamil Lemieszewski, Sandy Martin.
Genere Fantastico - USA, 2019. Durata 112 minuti circa.

La storia di Holt (Colin Farrell), un tempo artista del circo che, dopo aver combattuto in guerra, torna a casa profondamente cambiato. Il proprietario del circo, Max Medici (Danny DeVito) lo ingaggia per prendersi cura di Dumbo, un cucciolo di elefante con due orecchie enormi che lo rendono lo zimbello dello staff del circo. Ma quando i figli di Holt scoprono che Dumbo è in grado di volare, l'imprenditore dalla lingua biforcuta V.A. Vandevere (Michael Keaton) e l'acrobata Colette Marchant (Eva Green) faranno dell'elefantino indifeso una star.





from Cinema - MYmovies.it https://ift.tt/2U7TdbR

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Border - Creature di confine

Il potere di capire il prossimo
* * * 1/2 - (mymonetro: 3,63)

Regia di Ali Abbasi. Con Eva Melander, Eero Milonoff, Jörgen Thorsson, Ann Petrén, Sten Ljunggren, Kjell Wilhelmsen, Rakel Wärmländer, Andreas Kundler, Matti Boustedt, Viktor Åkerblom, Joakim Olsson.
Genere Fantastico - Svezia, Danimarca, 2018. Durata 108 minuti circa.

Tina ha un fisico massiccio e un naso eccezionale per fiutare le emozioni degli altri. Impiegata alla dogana è infallibile con sostanze e sentimenti illeciti. Viaggiatore dopo viaggiatore, avverte la loro paura, la vergogna, la colpa. Tina sente tutto e non si sbaglia mai. Almeno fino al giorno in cui Vore non attraversa la frontiera e sposta i confini della sua conoscenza più in là. Vore sfugge al suo fiuto ed esercita su di lei un potere di attrazione che non riesce a comprendere.





from Cinema - MYmovies.it https://ift.tt/2FEmOkS

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Bentornato Presidente!

Claudio Bisio si conferma mattatore in un sequel aderente a una realtà solo apparentemente trasfigurata dall'ironia
* * * - - (mymonetro: 3,09)

Regia di Giancarlo Fontana, Giuseppe Stasi. Con Claudio Bisio, Sarah Felberbaum, Pietro Sermonti, Paolo Calabresi, Guglielmo Poggi, Roberta Volponi, Antonio Milo, Antonio Petrocelli, Franco Ravera, Marco Ripoldi, Marta Gastini, Angelo Zampieri, Ivano Marescotti, Cesare Bocci, Massimo Popolizio, Salvatore Costa, Fabio Morici, Francesco Zenzola.
Genere Commedia - Italia, 2019. Durata 96 minuti circa.

Sono passati otto anni dalla sua elezione al Quirinale e Peppino Garibaldi vive il suo idillio sui monti con Janis e la piccola Guevara. Peppino non ha dubbi: preferisce la montagna alla campagna... elettorale. Janis, invece, è sempre più insofferente a questa vita troppo tranquilla e soprattutto non riconosce più in lui l'uomo appassionato, di cui si era innamorata, e che voleva cambiare l'Italia. Richiamata al Quirinale, nel momento in cui il Paese è alle prese con la formazione del nuovo governo e appare minacciato da oscuri intrighi, Janis lascia Peppino e torna a Roma con Guevara. Disperato, Peppino non ha scelta: tornare alla politica per riconquistare la donna che ama.





from Cinema - MYmovies.it https://ift.tt/2UfLdp6

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Una giusta causa

La confezione tradizionale non restituisce la natura rivoluzionaria del personaggio, lasciando la sua figura ancora tutta da scoprire
* * - - - (mymonetro: 2,00)

Regia di Mimi Leder. Con Felicity Jones, Armie Hammer, Justin Theroux, Kathy Bates, Sam Waterston, Stephen Root, Jack Reynor, Cailee Spaeny, Francis X. McCarthy, Gita Miller, Amanda MacDonald, Gabrielle Graham, John Ralston.
Genere Biografico - USA, 2018. Durata 120 minuti circa.

Ruth Bader Ginsburg è stata una delle pochissime donne ammesse alla facoltà di giurisprudenza ad Harvard alla fine degli anni Cinquanta. Si è poi laureata anche alla Columbia, quando era già madre e moglie di Martin D. Ginsburg, destinato a diventare un importante avvocato tributarista. A fine carriera scolastica, però, nella New York dei mille studi legali, faticò a trovare lavoro, in quanto donna in un mondo di uomini, e in seguito lottò con determinazione più unica che rara in moltissimi processi per discriminazione sulla base del genere.





from Cinema - MYmovies.it https://ift.tt/2HWcvdF

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Captive State

Fantascienza e soprattutto resistenza contro le limitazioni della libertà e gli eccessi della "sicurezza"
* * * * - (mymonetro: 4,00)

Regia di Rupert Wyatt. Con John Goodman, Ashton Sanders, Jonathan Majors, Vera Farmiga, Kevin Dunn, James Ransone, Alan Ruck, Kevin J. O'Connor, Machine Gun Kelly, Madeline Brewer, Ben Daniels, D.B. Sweeney, KiKi Layne.
Genere Fantascienza - USA, 2019. Durata 109 minuti circa.

Una famiglia cerca di fuggire dalla Chicago occupata dagli alieni ma non ha fortuna e sopravvivono solo i due giovani fratelli Rafe e Gabriel. Nove anni dopo, nel 2025, Rafe è scomparso, dato per morto si è in realtà unito alla resistenza, mentre Gabriel lavora a chip di cellulari da cui vengono estratti dati per gli archivi degli occupanti alieni. Trova il modo di farci su anche qualche soldo sul mercato nero e insieme a un amico prepara una barca per la fuga dalla città, ma i suoi piani sono stravolti dal ritorno di Rafe e dalle azioni terroristiche della resistenza. Sulla quale indaga anche il detective William Mulligan, che vuole proteggere il quartiere di Pilsen dalla rappresaglia aliena.





from Cinema - MYmovies.it https://ift.tt/2JOcQ4C

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Tutte le mie notti

Segreti, bugie e paure
* * * - - (mymonetro: 3,42)

Regia di Manfredi Lucibello. Con Barbora Bobulova, Alessio Boni, Benedetta Porcaroli, Carolina Rey.
Genere Thriller - Italia, 2018. Durata 81 minuti circa.

In una cittadina di mare una ragazza fugge di notte pensando di essere inseguita. La raccoglie e la porta nella propria casa una donna di nome Veronica. La casa però non è la sua e l'incontro non è stato casuale.





from Cinema - MYmovies.it https://ift.tt/2OxaKoC

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web

Fratelli Nemici - Close Enemies

Da una parte e l'altra della barricata
* * * - - (mymonetro: 3,25)

Regia di David Oelhoffen. Con Matthias Schoenaerts, Reda Kateb, Sabrina Ouazani, Astrid Whettnall, Gwendolyn Gourvenec, Nicolas Giraud, Adel Bencherif, Marc Barbé, Djamel Lazaar, Yann Goven, Fianso, Ahmed Benaïssa, Omar Salim, Adem Benosmane, Noah Benzaquen, Michèle Bréant, Guillaume Verdier, Mustapha Benstiti, Simon Ferrante, Tassadit Kouissi Guetchoum, Zuber Abdelli, Raphaël Thierry, Johnny Montreuil, Djemel Barek, Nadir Louatib, Aïmen Derriachi, Zaire Souchi, Kova Réa, Arthur Benzaquen, Yann Tremblay, Malki Attar, Maxime Demba, Pierre Gomes-Tavares, William Cisek, Jérôme Gaspard, Raphaël Magnabosco.
Genere Drammatico - Francia, Belgio, 2018. Durata 111 minuti circa.

Manuel e Driss sono cresciuti come fratelli nelle banlieue parigine ma oggi tutto li oppone. Manuel gestisce traffici di droga, Driss è diventato un agente dell'antidroga. All'ombra di un assassinio che ha freddato in strada tre dei suoi compagni, Manuel è costretto a collaborare con Driss. Tra ostilità e risentimento e malgrado la loro diffidenza reciproca, i loro legami si riallacciano intorno alle radici comuni.





from Cinema - MYmovies.it https://ift.tt/2FGSIxo

via Cinema Studi - Lo studio del cinema è sul web